DEFIBRILLATORI OVUNQUE – IN ARRIVO LA LEGGE

Category:

DAE - defibrillatore automatico esternoIl disegno di legge, approvato in prima lettura dalla Camera lo scorso luglio 2019, ha come finalità essenziale la progressiva diffusione e utilizzazione dei defibrillatori semiautomatici ed automatici esterni.

Il provvedimento mira a supportare la diffusione su scala nazionale dei defibrillatori, incrementando la capillarità degli strumenti salvavita nei luoghi pubblici, ad alta densità, favorendo dunque la possibilità di intervenire rapidamente in caso di emergenza.

Secondo i dati del Ministero della Salute, e le principali organizzazioni interessate, l’arresto cardiaco rappresenta una delle principali cause di morte nei paesi occidentali. Le statistiche parlano di oltre 400 mila persone vittime di arresto cardiaco in Europa, di cui 70 mila in Italia. Il quadro presenta la possibilità di poter intervenire a supporto delle potenziali vittime, ben 192 volte al giorno, 8 ogni ora; evidenziando una rilevante area d’intervento disponibile.

Gli esperti evidenziano come le probabilità di sopravvivere ad un arresto cardiaco scendono del 10% per ogni minuto trascorso dal verificarsi dell’evento; dopo soli 5 minuti si ha una probabilità di sopravvivere pari al 50%. È dunque essenziale poter garantire un intervento immediato, al più entro il termine dei 10 minuti, contribuendo alla sopravvivenza della persona.

Una scarsa percezione del problema, unita ad un basso tasso di formazione dei potenziali soccorritori, spesso non in grado di intervenire o di riconoscere l’evento rappresentano i fattori su cui dover lavorare. Il potenziamento della formazione aiuterebbe a migliorare tali aspetti, allineando il nostro paese alle migliori pratiche seguite in Europa, dove oltre il 15% dei cittadini ha seguito programmi di formazione adeguati, risultando preparato ad affrontare simili situazioni di emergenza.

Il testo introduce l’obbligo per tutte le sedi della Pubblica Amministrazione con almeno 15 dipendenti e servizi aperti al pubblico, di dotarsi di defibrillatori esterni al più entro il 2025. Il nuovo disegno di legge coinvolgerà anche aeroporti, porti e stazioni ferroviarie ed in generale ai mezzi di trasporto aereo, ferroviario e marittimo. Infine, defibrillatori obbligatori anche per le società sportive, per la tutela dei tesserati e del pubblico sia nel corso degli allenamenti, che durante le gare agonistiche.

In Italia, la prima risposta concreta si è registrata a Piacenza con l’avvio del ‘Progetto Vita’. Primo progetto in Europa ad occuparsi di defibrillazione precoce a contrasto della morte improvvisa per arresto cardiaco. Ad oggi, l’iniziativa ha coinvolto oltre 55.000 volontari addestrati, contribuendo alla diffusione di circa 1.000 defibrillatori sul territorio Piacentino. In questo modo, il 43% delle persone colte da arresto cardiaco a Piacenza si salva. Risultati concreti, se consideriamo che la sopravvivenza all’arresto cardiaco è ancora prossima al 10% nei casi in cui non esistono sistemi di defibrillazione precoce.

Un esempio virtuoso, da seguire come riferimento e riproporre su scala nazionale.

La nostra azienda eroga corsi di formazione ed addestramento per l’utilizzo del defibrillatore semiautomatico, sostenendo la diffusione delle buone prassi e lo sviluppo di aree cardio protette. Siamo inoltre presenti sul portale CONSIP, attraverso il Mercato Elettronico (MEPA), quale valido strumento di negoziazione e di acquisto a disposizione della Pubblica Amministrazione.

Contattaci per saperne di più, scrivi una mail a: consulenza@nextgroupsrl.com ed entra a far parte del mondo NEXT Group.

Con i nostri corsi di formazione potrai avvalerti del know-how di professionisti qualificati. Ti verranno fornite informazioni utili al fine di avviare una nuova attività o alla valorizzazione della tua professionalità. Scegli il corso di formazione che più si avvicina alle tue esigenze, e contattaci per avere maggiori informazioni sulla nostra offerta formativa. Scopri di più!